I viaggi più belli iniziano all’alba

Sabato mattina mi sono svegliata all’alba, mi sono vestita e ho fatto colazione quasi al buio, senza  far rumore.

Ho dato un bacio leggero sulle guance calde di sonno delle mie bambine, attenta a non svegliarle. La sera prima le avevo avvisate che la mamma doveva andare via un po’, ma che sarei tornata prestissimo.

Sono uscita e fuori era ancora buio, la città si stava svegliando mentre io, infreddolita, raggiungevo la stazione a bordo di un autobus deserto.

E’ stato strano e irreale andare via da sola, la leggerezza di dover pensare solo a me stessa, una piccola valigia e via, non ci sono abituata e fa quasi paura.

Sono partita senza sapere esattamente  a cosa stavo andando incontro, quello che sapevo era che sarei stata di nuovo in un’aula universitaria, insieme ad altri studenti, e che non vedevo l’ora di iniziare.

Prima di iscrivermi avevo avuto paura:  di sbagliare, di non riuscire a portare avanti un altro impegno, di sentirmi fuori luogo.

Il primo incontro ha spazzato via ogni dubbio: non ero la più vecchia né l’unica mamma, c’erano  tante persone diverse, ma accomunate dalla voglia di essere lì, ed è stato bello e facile conoscersi, o riconoscersi.

Man mano che i professori ci descrivevano quello che sarebbe stato il percorso del Master capivo che niente sarebbe stato come mi aspettavo: non bastava studiare da sola, avrei dovuto interagire e condividere il lavoro con gli altri, e soprattutto avrei dovuto mettere in discussione  molte delle mie certezze.

Me ne stavo là, seduta in quell’aula, faceva freddo ed ero stanca della settimana e del viaggio, ma l’interesse per quello che stavo ascoltando ha vinto il sonno e la fatica.

A tratti una sensazione di smarrimento mi attraversava, paura di non farcela, e nella mente risuonavano le parole di chi mi aveva scoraggiato ad andare, ma poi guardavo i miei compagni, ascoltavo i professori e gli ospiti venuti a parlarci e sentivo profondamente che quello era l’unico posto in cui avrei dovuto essere.

Sono tornata a casa ancora più emozionata di quando ero partita, con la consapevolezza che quello che dovrò affrontare lo scoprirò di volta in volta durante il percorso, e che di certo non sarà facile.

Tornare allieva, rimettermi a studiare, fare un passo indietro ma con l’obiettivo di andare avanti. Non so dove mi porterà questo sentiero, intanto voglio godermi il viaggio.

Federica Tonelli

IMG_0004

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...